PescaraPescara Lun - Ven 09:00-18:00 +39 353 4190544
info@cricoitalia.com
CRICO ITALIA S.r.l > News > BONUS RISTORANTI 2022
bonus ristoranti 2022

Descrizione

La misura pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 30 agosto 2022 prevede per le imprese del territorio italiano appartenenti al settore della ristorazione, un contributo a Fondo Perduto pari al 70 per cento delle spese sostenute, fino a 30.000 Euro, per l’acquisto di nuovi macchinari e beni strumentali.

Soggetti Beneficiari

Saranno ammesse le imprese in possesso dei seguenti requisiti:

  • imprese identificate con codice ATECO 56.10.11 (Ristorazione con somministrazione): regolarmente costituite ed iscritte come attive nel Registro delle imprese da almeno 10 anni o in alternativa aver acquistato nei 12 mesi precedenti prodotti certificati DOP, IGP, SQNPI, SQNZ e prodotti biologici per almeno il 25 per cento degli acquisti totali del periodo;

  • imprese identificate con codice codice ATECO 56.10.30 (Gelaterie e pasticcerie) e dal codice ATECO 10.71.20 (Produzione di pasticceria fresca) regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle imprese da almeno 10 anni o in alternativa aver acquistato prodotti DOP, IGP, SQNPI e prodotti biologici per almeno il 5 per cento del totale.

Entità e Forma dell’Agevolazione

La misura prevede un Contributo a fondo perduto pari al 70% delle spese ammissibili fino a 30.000 Euro. I contributi vengono concessi nell’ambito del Regolamento “de minimis”.

Attività Finanziabili

Sono ammissibili i costi per:

Sono spese ammissibili quelle sostenute per macchinari professionali e beni strumentali all’attività d’impresa, nuovi di fabbrica, organici e funzionali e acquistati alle normali condizioni di mercato da terzi che non hanno relazioni con l’impresa.

I beni acquistati dovranno essere mantenuti nello Stato patrimoniale dell’impresa per almeno 3 anni dalla data di concessione del contributo.

Restano fuori dalle spese agevolabili quelle sostenute prima della presentazione della domanda di contributo, così come quelle relative a componenti o ad esempio pezzi di ricambio, terreni e fabbricati, beni usati e utenze, come quelle di luce e gas.

Non concorreranno al calcolo delle spese ammesse al bonus anche quelle sostenute da ristoranti, pasticcerie e gelaterie per imposte, tasse, contributi, buoni pasto o ad esempio spese per consulenze di qualsiasi genere.

Contattaci Ora per avere una valutazione gratuita di fattibilità.